Elia Lombardo

SICUREZZA 4P

Premessa

Il crimine predatorio urbano aumenta ogni giorno e la criminalità, approfittando della estensione del territorio e della nascita di nuove opportunità, si specializza, favorita anche dall'inefficacia del controllo sociale e dell'azione penale.

I numeri e la cronaca parlano chiaro, non è più accettabile evitare di considerare il crimine predatorio urbano la più grave emergenza di sicurezza moderna, perchè è quello che più incide sullo stato socio economico e sul benessere delle comunità.
Questi crimini vengono ancora definiti reati "minori" e di "microdelinquenza" e questo è inaccettabile.

Una volta le attività di contrasto venivano misurate per numero di arresti, di denunce, di operazioni ad alto impatto, di sequestri penali, oggi è invece necessario cominciare a misurare la qualità della Prevenzione ed adoperarsi maggiormente affinchè questi crimini, così perniciosi, non vengano più commessi nel tempo e nello spazio per restituire la legalità ed il benessere, nei quartieri e nelle strade delle nostre bellissime città.

E' giunto il momento di evolvere, per condurre una sfida scientifica con il crimine urbano, fondata su una strategia di pura Prevenzione, non tanto per assicurare alla giustizia il reo ma per riconquistare il territorio, ormai sempre più concesso alla protervia criminale.

Dopo molti anni di studio, sono riuscito a dimostrare che per contrastare i crimini predatori urbani la migliore arma è la Prevenzione che si può ottenere grazie all'impiego di tecnologia innovativa sviluppata per riuscire a rilevare i rischi imminenti e favorire l'applicazione di una strategia rivoluzionaria di pura Prevenzione.

Si tratta di una nuova opportunità per la sicurezza pubblica e privata, per le istituzioni locali ed anche per i cittadini, che potrebbe favorire quel necessario cambiamento verso una nuova cultura di sicurezza.

Già  da qualche anno sono nati in tutto il mondo diversi tentativi di Predictive Policing - Polizia Predittiva - tuttavia questi tentativi versano generalmente in una lunga fase embrionale e nessuno di essi rappresenta ancora uno standard per la quotidiana lotta contro il crimine urbano, un fenomeno che nella sostanza, non differisce da un luogo all'altro.
Ciò è dovuto al fatto che questi tentativi, tendono tutti a voler risolvere i crimini in generale, a supportare l'attività  repressiva e l'azione penale, piuttosto che migliorare la Prevenzione e risultano tutti ancora troppo legati ad empiriche e datate teorie.

L'esperienza ventennale diretta, mi ha permesso di ideare un nuovo metodo che ho definito SICUREZZA 4P © (Prevenzione - Precisione - Proattività e Partecipazione) che laddove sperimentato ha ottenuto successi documentati certificati da centri di ricerca ed universitari.

Quello della sicurezza, è l'argomento che mi sta più a cuore ma come scritto nella mia biografia amo tutto ciò che riguarda uomo e società pertanto in questo mio blog oltre a condividere il mio studio, la mia professionalità condivido anche pensieri personali su argomenti che nel corso del tempo potranno stimolare il mio e l'altrui interesse.

Gradisco spiegare come vorrei interagire col mio visitatore.

Non ho alcuna ambizione diversa da quanto sin qui descritto, non rincorro numeri, "like", "visit", "feed" se è il caso, desidero avere un rapporto diretto con chi qualora decidesse di seguirmi.
Il modo per entrare in contatto con me è anche il più semplice, magari per sostenermi con contributi letterari, pensieri basta inviare una email all'indirizzo indicato in basso a questa pagina, oppure è possibile entrare subito in contatto con me attraverso la chat che normalmente seguo in tempo reale.

In ultimo, solo qualche piccolo avviso.
I contenuti di questo Blog sono personali, ciò che viene qui riportato, idee ed intuizioni, sono il frutto di anni di studio e di lavoro personale.
Pur mettendo a disposizione le mie conoscenze gradirei che la riproduzione dei contenuti avvenisse a fronte di una semplice e gradita richiesta che sarò sempre felice di concedere.

Se vuoi puoi ascoltare l'audio premessa: